La processione del Venerdì Santo a Procida

Alla scoperta di un’antica tradizione

L’originale spettacolo della Processione del Venerdì santo a Procida fa da sfondo all’ultima interpretazione dello spirito Dolce&Gabbana , proposta dal cineasta napoletano Pepe Russo; andiamo alla scoperta di quest’antico rito pasquale.

Le tradizioni culturali dell’Italia sono spesso espressione dell’esclusivo rapporto tra la cultura cattolica e il suo passato pagano. A Pasqua per esempio, in particolare le processioni del venerdì santo che rievocano gli ultimi giorni di Gesù invadono le strade con tutta la loro brutalità e violenza. Delle molte processioni festive nel Golfo di Napoli, quella del venerdì santo a Procida è una delle più famose e affascinanti.

La processione è una tradizione iniziata dalla Confraternita dei Turchini, o dell’Immacolata Concezione, che è stata fondata nel 1629 dall’ordine dei Gesuiti. Iniziata come corteo penitenziale, oggi è incentrata sui “misteri”, carri allegorici che ritraggono scene del Vecchio e Nuovo Testamento.

La progettazione dei misteri inizia poco dopo le feste di Natale: comunità cittadini, scuole e associazioni si riuniscono per decidere il soggetto di ogni carro e cominciare a costruirlo. Realizzati con materiali poveri come legno, cartapesta, vetro o ferro, i misteri vengono creati ex novo ogni anno in numero di 40-60. Recentemente anche temi contemporanei sono diventati soggetti dei carri.

Il percorso della processione è rimasto lo stesso per secoli e tutti i venerdì di Pasqua, intorno alle 7 del mattino, i Turchini e gli abitanti dell’isola di Procida iniziano il loro tragitto dal centro antico della cittadina, Terra Murata in direzione di Marina Grande. La processione inizia al suono delle trombe, i musicisti vengono poi raggiunti da uomini con bandiere che rappresentano le varie confraternite religiose, i cui passi sono scanditi dal ritmo dei tamburi. Seguono i misteri (trasportati da coloro che hanno contribuito a costruirli), le ragazze con i fiori, e poi i neonati vestiti di nero – angioletti portati in braccio dai padri – accompagnati dalla statua della Madonna dolente e infine dalla statua del “Cristo morto“. La statua del Cristo è stata scolpita da Carmine Lantricene (1728) e conclude in modo commovente la processione.

Soggetto, fotografia e regia: Pepe Russo
Riprese: Diego Perrini
Montaggio e editing: Diego Perrini e Pepe Russo
Attore: Tommaso Ciniglio
Assistenti: Serena Caropreso, Giuliana Grose
Abiti: Dolce&Gabbana
Un ringraziamento particolare alla popolazione dell’isola di Procida.

Crediti Cover: foto dal set di Pepe Russo

 

TORNA SU

扫描二维码或搜索杜嘉班纳微信号: DOLCEGABBANAOFFICIAL
获取最新品牌活动和产品资讯。

LINEアプリでQRコードを読み取り、「追加」ボタンをタップするか 公式アカウントページで「ドルチェ&ガッバーナ」を検索して友だち追加!